HOME > Notizie > Attività del Consiglio: Varie > Super bonus 110/%. Osservazioni

Cerca ingegnere
Campo necessario, almeno 3 lettere
Tipo: A123
Accesso Ingegneri Trapani
Campo necessario
Campo necessario

Password dimenticata? Clicca qui.
Non sei registrato? Registrati.

Super bonus 110/%. Osservazioni

L’Italia riparte al 110%.....

 

         Dagli anni 90 agli inizi del nuovo secolo il mercato delle costruzioni è stato un fattore trainante per la crescita economica del nostro paese.

Le famiglie, infatti, investivano risorse nell’acquisto di un immobile per poi, successivamente, venderlo allo scopo di acquistarne uno nuovo, oppure attendevano fiduciosi la rivalutazione e dalla vendita incassavano una sostanziosa plusvalenza.  

Oggi “mantenere il mattone” ha un costo elevato.

         La quota di edifici con età superiore ai 40 anni è cresciuta in maniera progressiva tanto che la maggior parte delle famiglie della nostra Provincia occupa un immobile realizzato prima degli anni settanta.

         Gli incentivi statali, degli ultimi anni, hanno indotto un movimento di risorse economiche e lavorative nel settore delle costruzioni attraverso interventi di restauro, di riqualificazione e recupero del patrimonio abitativo esistente. Gli incentivi hanno permesso ai cittadini di investire sul “mattone” per valorizzarlo, per poter meglio rispondere anche ai cambiamenti della domanda. In questo modo è aumentata l’attenzione verso la sostenibilità ambientale ed energetica, all’esigenza di riqualificazione delle aree urbane e all’incremento del confort abitativo.

         Le professioni tecniche sono state in prima linea su questo fronte: molti sono stati e continuano ad essere gli aggiornamenti professionali per accrescere le professionalità e  poter supportare i clienti nelle migliori scelte tecniche.

         Il nostro Consiglio Nazionale già da due anni è in prima fila nel sensibilizzare la collettività sull’utilizzo del “sismabonus” con campagne di sopralluoghi effettuati a titolo “gratuito”.

         In questo quadro complessivo si inserisce in questo nostro tempo attuale il tanto rinomato e pubblicizzato SUPER BONUS. 

Tanti però i dubbi di queste ultime settimane: dalla gratuità o meno dei lavori, agli immobili che vi rientrano ed in ultimo alla possibilità di fruizione dei condomini quali persone fisiche, ovvero di altre figure non già note.

         L’agevolazione fiscale (massimo 110%) consiste in una detrazione dall’imposta lorda ed è concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti o riducono il rischio sismico degli stessi, e solo oggi, finalmente, emanate le linee guida, da parte dell’agenzia delle entrate, si può fare un po' di chiarezza.

Il Super bonus, spetta, per le spese sostenute, per interventi effettuati su parti comuni di edifici, su unità immobiliari funzionalmente indipendenti e con uno o più accessi autonomi dall’esterno, site all'interno di edifici plurifamiliari, nonché sulle singole unità immobiliari.

La novità maggiore sta nella cedibilità del credito a favore di altri soggetti come i fornitori dei beni e dei servizi necessari alla realizzazione degli interventi, di altri soggetti (persone fisiche, società ed enti) e degli istituti di credito e di altri intermediari finanziari.

Non c’è dubbio che valorizzare il patrimonio esistente potendo usufruire del superbonus è una grande risorsa, una formidabile leva di sviluppo economico, di rilancio occupazionale e fonte di nuovi investimenti.

         E’ necessario però che fin dall’inizio del rapporto lavorativo tra i soggetti coinvolti ci sia sinergia e chiarezza soprattutto sugli effettivi costi che il committente dovrà sostenere.

         Purtroppo, sono pervenute segnalazioni che diversi professionisti hanno già firmato con condomini e privati dei contratti d’incarico per la presentazione delle suddette pratiche, riscuotendo anche degli acconti.

         Si precisa che, come già detto, le linee guida iniziano a fare un po' di chiarezza ma mancano ancora i decreti attuativi.

         Per cui si invitano i vari soggetti coinvolti a rispettare dal punto di vista etico e deontologico il proprio ruolo. Solo cosi si potrà ripartire al 110%.

Il nostro Ordine resterà a servizio della cittadinanza per supportare questo momento di riqualificazione “dell’ambiente costruito”.


Categoria: Attività del Consiglio: Varie - Pubblicato il 30/07/2020 17:02